1414

Primo Piano

Anche nello sport si diffondono gli A.D.R.

libertas

Si consolida la possibilità di introdurre metodi alternativi di risoluzione delle controversie in ambito sportivo con riguardo, in particolare, alle procedure di conciliazione e mediazione. L’art. 1 del d.lgs. n. 28/2010 – in materia di mediazione civile – evidenzia sia l’attività di mediazione, intesa quale “attività, comunque denominata, svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa” che quella di conciliazione intesa quale “composizione di una controversia a seguito dello svolgimento della mediazione”. Sono procedimenti flessibili che presentano indubbi vantaggi rispetto alle forme di risoluzione classiche dei conflitti che impongono uno svolgimento formale del contenzioso. Le caratteristiche di queste formule innovative si possono individuare nella maggiore celerità, nei minori costi e, in particolare, nello svolgimento del procedimento in un contesto meno formale e più personale tra le parti. Questi procedimenti flessibili risultano efficaci per dirimere le controversie in materia di tesseramento e – nello specifico quelle relative alla concessione del nulla osta, considerato che il vincolo porta in concreto a limitazioni consistenti sulle scelte future (soprattutto se si tratta di atleti minori). Nel corso degli ultimi anni è cresciuta considerevolmente la pressante domanda di un intervento legislativo che sia in grado di regolamentare una nuova disciplina in materia di vincolo sportivo per gli atleti dilettanti e giovani. La consuetudine di “contrattualizzare” il rapporto tra la società sportiva e l’atleta dilettante – tramite la procedura del tesseramento – deve tenere in debita considerazione l’affermazione del ruolo sociale ed educativo dello sport sancita dall’art. 165 del Trattato di Lisbona.Inoltre lo sport dilettantistico si deve uniformare ai principi ed alle regole dell’Unione Europea osservando – come imprescindibile bussola di riferimento – gli obiettivi e gli orientamenti indicati dalle linee-guida di alto profilo esplicitate nel “Libro bianco sullo sport”. Nell’ottica di una moderna e funzionale ricerca di soluzioni legislative più flessibili e più rispettose della libertà individuale degli atleti dilettanti (soprattutto se giovani) le organizzazioni sportive potrebbero finalmente dotarsi in via sperimentale di un unico organismo di mediazione/conciliazione a livello regionale – competente per tutte le discipline sportive – finalizzato a dirimere le controversie relative alle procedure del tesseramento ed a quelle che afferiscono al rilascio del nulla osta.

Luigi Musacchia
pres. Libertas