1919

Speciale scommesse

Giochi: GVC mette sul piatto 3,9 miliardi di sterline per l’acquisizione di Ladbrokes Coral

Le discussioni per l’acquisizione di Ladbrokes Coral sono in una fase avanzata. Lo conferma oggi la stessa GVC Holdings che ha presentato una proposta non vincolante che potrebbe raggiungere i 3,9 miliardi di sterline. Ciascun azionista riceverebbe per ogni azione 32,7 centesimi cash e azioni GVC, oltre a un potenziale pagamento di 42,8 centesimi sulla base delle performance future di Ladbrokes Coral (sull’entità di questa somme incidono fattori come la revisione normativa delle Fobt). Se l’accordo andasse in porto, gli azionisti Ladbrokes Coral conserverebbero il 46,5% del nuovo soggetto, GVC il 53,5%. IL direttivo verrà ridisegnato nelle prossime settimane, per il momento è certo solamente che a guidare il nuovo soggetto ci sarà l’attuale Ceo di GVC Kenneth Alexander. “Questa operazione garantirà un concreto aumento degli investimenti effettuati dagli azionisti e consentirà di acquisire una posizione strategica per gli sviluppi futuri” hanno commentato i due soggetti in un comunicato congiunto. “La nuova compagnia avrà un ruolo di primo piano nel mercato dell’online a livello mondiale che beneficerà di un’offerta multi-brand, e di una strategia multi-channel, costruita su alcuni dei migliori marchi del settore”. Il nuovo soggetto opererebbe in alcuni dei maggiori mercati regolamentati (come Gran Bretagna, Italia e Australia), e sostanzialmente raddoppierebbe gli introiti che GVC trae dai Paesi che hanno disciplinato il settore. GVC – che già controlla il colosso bwin.party – aveva già avanzato un’offerta di 3,6 miliardi di sterline nei mesi scorsi per acquisire il bookmaker inglese – a sua volta nato dalla fusione di Ladbrokes e Gala Coral – ma le trattative si erano interrotte a agosto. rg/AGIMEG


Fonte: AGIMEG, Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco