1414

Primo Piano

Guenda Sartori ad AnnuarioMediaSport.it: “La delusione di Rio per la felicità di Tokyo”

TIROARCO_Sartori_Guendalina

Guendalina Sartori parla delle sue ambizioni in esclusiva per Annuario Ussi.“Il 2016 è stato un anno di grandi emozioni, un anno di bei risultati, partendo dalla coppa del mondo indoor nella tappa di Nimes dove ho conquistato l’oro, poi ho vinto il mio primo titolo italiano indoor e, nella stagione outdoor, ho ottenuto il 4° posto in Coppa del Mondo a Medellin, il bronzo a squadre nella tappa di Antalya con tanto di qualificazione a squadra per i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, che era il grande obiettivo dell’Italia dopo che avevo raggiunto un pass individuale nel 2015 ai Mondiali di Copenaghen. Grazie al risultato di Antalya ho anche raggiunto per la prima volta la qualificazione per la finale di coppa del mondo di Odense, un altro importante traguardo per la mia carriera. Le Olimpiadi? Il 4° posto con la squadra al Sambodromo di Rio è il miglior risultato di sempre per l’Italia al femminile alle Olimpiadi quindi, nonostante la delusione per aver solo sfiorato una medaglia che sembrava già conquistata, direi che è stato un ottimo risultato per tutto il movimento arcieristico. Dopo i Giochi ho vinto anche il mio primo titolo italiano outdoor e infine il 7° posto nella finale di coppa del mondo a Odense mi ha permesso di chiudere positivamente una stagione a dir poco intensa. Di sicuro a inizio anno non avrei mai pensato a una stagione così emozionante e ricca di risultati prestigiosi. Tutta la mia attenzione era posta solo sui Giochi Olimpici, tutto quello che è arrivato dopo è un surplus che mi rende felice e orgogliosa del percorso fatto personalmente e con le compagne Claudia e Lucilla. Guardando quanto fatto, posso dire che a Rio abbiamo dato il massimo, quella medaglia mancata ci rimarrà nella memoria, ma farò in maniera che la delusione si tramuti in voglia di migliorare in vista di Tokyo 2020.

Per il futuro, il Mondiale che conterà davvero sarà quello del 2019, dove saranno in palio oltre ai titoli iridati anche i pass olimpici. Intanto però ci tengo a cominciare bene questo nuovo quadriennio, con l’obiettivo di migliorare e crescere ancora come atleta di alto livello e tenere alti i colori dell’Aeronautica Militare e dell’Italia”.