Article top AD

“Ristori? Gli impianti natatori che non sono solo per i grandi campioni, ma per i cittadini e lavorano in un delicato ambito come quello di insegnare a nuotare, sono alla carità, in ginocchio, stanno chiudendo. Non solo sono colpiti dalla pandemia, ora sono colpite dal caro energia. Scaldare migliaia di metri cubi di acqua hanno dei costi enormi. Siamo molto preoccupati, sono arrivate solo le briciole. Sono in grande difficoltà perché non so cosa dire a questa società che non sono più in grado di andare avanti. Spero si possa fare qualcosa nell’immediatezza”.

Lo ha detto il presidente della Federnuoto Paolo Barelli a “La Politica nel Pallone” su Gr Parlamento. “Perdite del mondo del nuoto? Si parla di cifre che superano il miliardo. Ci sono circa 4 milioni di cittadini che vanno in piscina in modo periodico e le società sportive sono già entità molto vulnerabili anche finanziariamente e con questa botta che ha azzerato le entrate e fatto lievitare i costi, il risultato è il fallimento”, ha proseguito Barelli che non si aspetta molto dal prossimo vertice.

“Non so cosa aspettarmi. Lo sport fa i conti con la pandemia in maniera trasversale. Certe decisioni possono essere riviste, io non sono stato coinvolto e non so chi va a dire cosa. Qui c’è il problema dell’attività di base e la risposta della politica è stata data ignorando le cose”. “Ministero Sport? In questo momento di sofferenza e difficoltà dove ogni ministero cerca di affrontare le difficoltà del proprio ambito, oggi non c’è. La Vezzali è un sottosegretario e non è presente nel momento in cui si divido pani e pesci. La mancanza di un ministro dello sport si fa sentire e in questo momento è un problema. I ministri in Consiglio battono i pugni per avere ristori per il proprio settore, fanno il loro lavoro. Lo sport non c’è”. Ha concluso il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli.

Article bottom ad