1414

Primo Piano

Berrettini in semifinale: “Pronto per Nadal”

tennis_Berrettini

Matteo Berrettini non accenna a fermarsi. Il tennista azzurro nei quarti di finale dello US Open ha stupito ancora, sconfiggendo il ben più esperto francese Gaël Monfils dopo un incontro sfiancante e durissimo, di circa quattro ore. In seguito alla vittoria, l’atleta nostrano si è qualificato per le semifinali del torneo, scrivendo di fatto una piccola pagina di storia: l’ultimo italiano ad arrivare così in alto in terra newyorkese, fu Corrado Barazzutti quarantadue anni fa.

L’astro nascente del tennis tricolore, visibilmente emozionato, ha commentato così la sua memorabile giornata: «Sono felicissimo, per me, per il mio team, per la mia famiglia e per tutti i tifosi italiani, sia quelli presenti qui a New York che i tanti a casa che mi seguono fino a tarda notte. È stata una giornata piena di emozioni». – e poi, descrivendo le sensazioni provate durante la sfida – «All’inizio della sfida non mi sentivo bene ma mi sono detto ‘forza, la partita è lunga’. Lo stadio era immenso, c’era tanta umidità, ero sudatissimo. Poi, pian piano, ho ritrovato il mio tennis. Mi sono convinto che dovevo essere aggressivo e coraggioso sino alla fine. Solo così potevo vincere. Per la prima volta in carriera sto vivendo tutte queste emozioni, ma sto imparando in fretta».

Il prossimo test che Berrettini dovrà superare, si tratta probabilmente di uno dei più difficili della sua carriera sino adesso: in semifinale, infatti, se la vedrà con una leggenda dello sport contemporaneo quale Rafael Nadal. Dopo il ritiro per infortunio di Novak Djokovic e l’eliminazione di Roger Federer, lo spagnolo è l’unico nome grosso ad essere rimasto in corsa ed ovviamente è considerato il favorito. Il nativo di Mallorca si è espresso così a proposto del romano, con il quale si scontrerà per la prima volta: «Berrettini sta avendo un grande anno, è in semifinale dopo aver vinto tanti buoni match. Sta facendo molti progressi, picchia forte, l’ho visto giocare anche contro Monfils».

Federico Sturlese