Article top AD

Con la cerimonia di chiusura al Pajulahti Hall è calato il sipario sulla sesta edizione degli EPYG 2022, i Giochi Europei Paralimpici Giovanili, che si sono svolti dal 30 giugno al 3 luglio a Pajulahti (atletica, tennistavolo, showdown, boccia, judo, goalball) e Helsinki (nuoto).
Se nella cerimonia di apertura l’onore di portare la bandiera italiana era toccato allo sprinter Francesco Imperio, in quella di chiusura gli alfieri sono stati Giorgia Fascetta, azzurra di vincitrice di due medaglie d’oro nell’atletica leggera (100 e 400 metri), e Gabriel Da Silva Pelizari, il più giovane giocatore di una Nazionale, quella di basket in carrozzina, che per la prima volta nella storia degli EPYG ha conquistato la medaglia d’oro.
Per l’Italia, che si è presentata con una delegazione formata da 61 atleti, sono arrivate 42 medaglie totali (13 ori, 14 argenti, 15 bronzi) e il terzo posto in classifica generale alle spalle di Spagna con 53 (23 ori, 20 argenti, 10 bronzi) e Francia con 47 (17 ori, 16 argenti, 14 bronzi).
L’Atletica leggera e il tennistavolo sono state le discipline ad aver ottenuto più medaglie, 12 a testa. Nel dettaglio, il tennistavolo porta a casa 3 ori, 3 argenti, 6 bronzi, l’atletica 4 ori, 5 argenti, 3 bronzi. Molto bene anche il nuoto, che conquista 3 ori, 3 argenti, 3 bronzi.
Tutti a medaglia gli azzurri del judo, che vince 2 ori e 1 argento. Nella boccia sono 3 le medaglie vinte, 2 d’argento e 1 di bronzo. Due, infine, i podi dagli azzurri dello showdown, per due volte al terzo posto.
“L’Italia chiude gli EPYG2022 con un risultato eccezionale che ci proietta tra i primi tre Paesi europei nello sport paralimpico giovanile. Un bilancio che ci riempie di soddisfazione e che ci fa guardare al futuro con ottimismo. Una nuova generazione di campioni sta crescendo nel modo migliore e potrà dare il proprio contributo alle sfide paralimpiche che verranno. Complimenti, dunque, alle atlete e agli atleti per le tante medaglie conquistate e per aver brillato in tutte le discipline. Ci avete reso orgogliosi e avete portato in alto il nome dell’Italia. Voglio esprimere un ringraziamento ai tecnici e alle Federazioni per il prezioso lavoro svolto nonché a tutti i componenti di una Delegazione azzurra che ha scritto un’altra bellissima pagina di storia dello sport paralimpico”. È quanto ha dichiarato Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

Article bottom ad