Article top AD

Una grande serata, un evento davvero speciale. Filippo Grassia, già presidente nazionale Ussi e oggi alla guida del Panathlon Milano, racconta così i festeggiamenti per i primo 70 anni del suo Club.

All’Auditorium Testori abbiamo vissuto, mercoledì sera, una splendida serata, direi unica nel panorama del Panathlon International. Non potevamo celebrare in modo migliore il 70simo anniversario del nostro Panathlon. Ci siamo riusciti grazie a uno splendido gioco di squadra. Perché noi siamo una squadra, da scudetto. Fra i tanti che hanno lavorato alla riuscita della serata, desidero sottolineare il lavoro svolto in particolare da Anna Galoppo, che ha curato con competenza la complessa regia dell’evento e ci ha fatto avere gratuitamente il back-drop e un roller-up; Giorgio Ambrogi, che si è occupato della comunicazione, dei collegamenti esterni e della messa in onda di tutti i contributi video; Piera Tocchetti per l’infinito lavoro di coordinamento e di segreteria oltre che per la produzione del video sui campioni paralimpici; lo storico Sergio Giuntini, il quale ha curato con mano impareggiabile il magnifico libro “70 Anni di Sport a Milano” scrivendo, fra l’altro, una storia inedita sullo sport a Milano da Sant’Ambrogio ai giorni nostri e portando in luce gli Sportivi dell’Anno dal 1952 a oggi; Gianfranco Ubbiali, che ha curato l’impostazione grafica del libro in modo pregevole accompagnandoci in questo lavoro con amicizia oltre che con competenza.

Le presenze di Antonio Rossi (Sottosegretario di Regione Lombardia con delega a Milano-Cortina 2026, ex campione olimpico di canoa), Pierre Zappelli (presidente Panathlon International), Giorgio Costa (presidente Panathlon Distretto Italia), Claudia Giordani (vicepresidente nazionale del CONI) e Lorenzo Marzoli (direttore Territorio di Sport e Salute) hanno arricchito la serata. E così le interviste di Alessio Tavecchio ai campioni paralimpici e mondiali Alessia Berra, Andrea Liverani e Simone Barlaam. In perfetta sintonia con i nostri valori (talento ed etica) lo speech magistrale di Matteo Marani.

Cosa dire poi della presenza della Fanfara dei Bersaglieri sezione Luciano Manara di Milano che ci ha emozionato con l’esecuzione dell’Inno d’Italia e di altre composizioni del loro passionale repertorio. Formidabili gli interventi irriverenti degli Autogol, splendide le apparizioni del gruppo di ballo Naima Academy. Invitati rispettivamente da Giulio Mola e Anna Galoppo. Presto rivedremo entrambi i gruppi in tv.

Nel corso della serata il Governatore dell’Area Nord, Attilio Belloli, ha consegnato il Premio “Fair-Play 2021 per l’educazione nelle scuole” a Giovanni Lodetti e Anna Galoppo, autori del progetto “Sport e Percorsi di Benessere”.

A titolo personale vi devo confessare la mia commozione quando ho ricevuto a sorpresa la “Domenico Chiesa Award” che rappresenta la più alta benemerenza del mondo panathletico. È stata una felicissima sorpresa. Di questo ringrazio Fabiano Gerevini, nostro Past Governatore, per l’affettuoso pensiero e tutti i membri del CD che hanno aderito all’iniziativa senza nulla farmi trapelare. Omertosi! Come ho detto all’Auditorium, desidero condividere con tutto il club questo riconoscimento che è merito di tanti, non di uno solo.

In conclusione desidero rivolgere il mio più sentito ringraziamento a Regione Lombardia che ci ha permesso di organizzare nella magnifica sala dell’Auditorium Testori questo evento “70 Anni di Sport a Milano e in Lombardia” nel corso del quale abbiamo festeggiato il 70esimo Anniverssrio dalla Fondazione avvenuta nel 1952. Grazie in particolare al Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, al sottosegretario Antonio Rossi, al Direttore dell’Area Sport (e non solo) Simone Rasetti, alla impareggiabile funzionaria Rosa Errico e all’avvocatessa Giovanna Corvetta. Alla prossima, saremo in 100…”.

Article bottom ad