Article top AD

Il Gruppo EcoEridania, azienda leader a livello europeo nei servizi ambientali per rifiuti di origine sanitaria e tra i principali player nei rifiuti industriali e nell’end of waste, ha annunciato questa mattina i vincitori della prima edizione del Premio giornalistico “Sviluppo Sostenibile 2023”, destinato ai giornalisti italiani della carta stampata e del web.

Ideato e finanziato dal Gruppo per sostenere e promuovere una cultura sempre più sostenibile e per incentivare una corretta informazione, il premio ha riconosciuto coloro che, trattando qualsiasi tematica legata a sostenibilità, green economy, finanza ed economia circolare, e storie imprenditoriali di successo, si sono distinti per stile, accuratezza, capacità divulgativa o di analisi.

Gli elaborati candidati sono stati valutati da una commissione tecnica, presieduta da Francesco Perrini, Associate Dean for Sustainability di SDA Bocconi School of Management, e composta da giudici indipendenti del mondo accademico e imprenditoriale, affiancata da una giuria media, composta da caporedattori delle principali testate economico-finanziarie, generaliste e specializzate italiane.

“I nostri più sinceri complimenti a tutti i giornalisti finalisti e ai vincitori”, ha dichiarato Andrea Giustini, fondatore e Presidente del Gruppo EcoEridania. “Con oltre 150 articoli candidati in questa prima edizione, il nostro premio vuole riconoscere il giornalismo di qualità e conferma il ruolo fondamentale dei media nell’offerta di informazione chiara e trasparente, oltre alla loro funzione di education e fonte di continuo dibattito.”

Vincitori e finalisti

  • Giornalista dell’Anno – autore del miglior articolo di Divulgativo
    • Minna Beba (vincitore)

Motivazione: con concretezza e profonda analisi l’articolo vuole sensibilizzare i cittadini sul tema estremamente attuale dei rifiuti elettronici.

    • Giorgia Marino (finalista)
    • Vito Tartamella (finalista)
    • Gloria Valdonio (finalista)
  • Giornalista dell’Anno – autore del miglior articolo Inchiesta
    • Vito Tartamella (vincitore)

Motivazione: L’articolo identifica in modo puntuale e critico le cause strutturali della siccità in Italia, dovute al cambiamento climatico e, soprattutto, all’azione dell’uomo: un’inchiesta solidamente documentata con numeri e grafici.

    • Minna Beba (finalista)
    • Alessandra Moro (finalista)
    • Gianluca Schinaia (finalista)
  • Giornalista dell’Anno – autore del miglior articolo su Storie imprenditoriali di successo
    • Ilaria Cuzzolin (vincitore)

Motivazione: L’intervista affronta il tema di grande attualità del welfare aziendale e delle strategie imprenditoriali per fidelizzare i propri dipendenti, con un interessante focus sulla genitorialità, che si collega al crescente fenomeno della denatalità che colpisce il nostro Paese.

    • Maddalena De Franchis (finalista)
    • Maurizio Carucci (finalista)
  • Innovationdedicato alle forme di giornalismo innovative e multimediali
    • Anna Marino (vincitore ex aequo)

Motivazione: Il reportage sotto forma di podcast colpisce per la capacità di comunicare in modo chiaro e coinvolgente l’importanza delle comunità energetiche in Italia, evidenziando progetti innovativi a livello locale.

    • Santina Giannone (vincitore ex aequo)

Motivazione: Il paradigma ESG incontra il mondo del lavoro attraverso un cambiamento culturale. Nell’articolo si presenta e analizza in modo articolato e innovativo la figura del sustainability manager, come guida del cambiamento, riconsiderando i vari ambiti aziendali come parte di una visione olistica.

    • Simone Giancristofaro (finalista)
  • Comunicazione territoriale – dedicato ai media locali e territoriali
    • Adam Hanzelewicz (vincitore)

Motivazione: Un articolo che fa luce sul falso mito della presunta sostenibilità del metano, utilizzato come carburante meno inquinante rispetto ad altri: un messaggio ingannevole spesso utilizzato nella comunicazione delle aziende.

 

    • Francesco Carrubba (finalista)
    • Michele Maestro (finalista)
    • Santina Giannone (finalista)
  • Giovane Talento – dedicato agli autori più giovani
    • Giorgio Kaldor (vincitore)

Motivazione: L’economia informale è uno dei principali elementi critici quando si tratta di sviluppare sistemi di gestione organizzata dei rifiuti. Il giornalista con coraggio e determinazione ha visitato alcuni campi rom di Belgrado, in Serbia, per capire cosa pensano gli abitanti di una loro possibile integrazione legale nella filiera.

    • Gianluca Brambilla (finalista)
    • Giorgia Colucci (finalista)
Article bottom ad