Article top AD

Comincia alla grande l’avventura dell’Italia nella Serie A di karate, il circuito internazionale utile ad accumulare punti in vista di Tokyo 2020. Nella prima tappa della rassegna, svoltasi a Santiago del Cile, gli azzurri fanno registrare tre podi, tutti femminili: Viviana Bottaro si aggiudica l’oro nel kata, così come Silvia Semeraro nei -68 kg di kumite; per la rientrante Sara Cardin, invece, un ottimo argento nei -55 kg.

Il tecnico Vincenzo Figuccio ha commentato i risultati conseguiti con soddisfazione, ma anche pacatezza: «L’obiettivo era cominciare la stagione con una mentalità corretta e tarare quelle che erano le condizioni fisiche degli atleti. Nonostante alcuni di loro abbiano perso, sono comunque venuti alla luce aspetti positivi».

La genovese ha dominato nella sua specialità, compiendo un ottimo percorso e sconfiggendo in finale Dilara Eltemur 25.4 a 24.58. La “belva umana”, da canto suo, si trova ad un passo dallo staccare il pass per il Giappone, grazie ad una vantaggiosa posizione nel ranking (quinta): a Santiago, in finale, si è imposta 1-0 addirittura sulla campionessa olimpica azera Irina Zaretska. Lodevole pure la prestazione di Cardin, tornata alla ribalta dopo il grave infortunio di fine 2018: si è dovuta arrendere solo in finale, all’ucraina Anzhelika Terliuga, la quale l’ha sconfitta col punteggio di 2-0.

Tra gli altri azzurri in gara, si riscontrano anche i buoni piazzamenti di Simone Marino e Lorena Busà: entrambi quinti, rispettivamente nei +84 kg e nei -55 kg.

Federico Sturlese

Article bottom ad