Article top AD

di Andrea Abodi *

E’ un piacere ritrovarsi all’appuntamento con una pubblicazione che, giunta alla ventiseiesima edizione, non è semplicemente di servizio, ma si conferma un riferimento, un punto fermo nel susseguirsi delle pagine del tempo, in uno sfogliare che accompagna la missione del giornalista nell’impegno quotidiano.

L’Annuario USSI va oltre la semplice definizione di strumento utile per la categoria dei giornalisti e per il mondo sportivo che vive anche della sua narrazione, del suo racconto. Si tratta di passione, professionalità, umiltà, sin dalla prima edizione, nata per un’intuizione, con alla base l’amore per il proprio mestiere. Proviamo a pensare agli ultimi ventisei anni, al mondo che c’era allora e agli eventi che si sono susseguiti, a come l’informazione si è dovuta adeguare a un nuovo modo di comunicare. L’avvento del digitale ha rivoluzionato anche gli eventi sportivi e di conseguenza ha velocizzato le notizie che, sostanzialmente in tempo reale, nel web e suoi social, si ritrovano “vecchie” sulla carta stampata il giorno successivo. Come non disperdere allora il patrimonio delle firme di coloro che ogni appassionato di quella disciplina segue nella quotidianità e aspetta come un amico al bar la mattina?  È qui, a mio avviso, il valore del giornalista sportivo che deve saper andare anche oltre la cronaca dell’evento, mettendo in campo la capacità di raccontare, nella sua forma unica di narrazione che, grazie a un linguaggio accattivante, alla competenza dei contenuti, finalizzata alla lettura che non solo informa, coinvolge e appassiona, ma porta con sé un’energia travolgente, un’emozione palpabile e una connessione profonda con il pubblico. Il giornalismo sportivo non riguarda solo i fatti e le cifre, ma si estende anche al tessuto sociale, culturale e politico che circonda lo sport. Esplora le implicazioni di eventi sportivi su scala globale, la loro influenza sulla società e il modo in cui riflettono e plasmano le nostre vite. La famiglia dell’Unione Stampa Sportiva Italiana ci regala questo e l’amico Gianfranco Coppola insieme a tutti coloro che vi appartengono e che hanno dedicato le proprie vite a raccontare le storie dello sport, si dimostrano attivi ogni giorno mettendo a disposizione la propria esperienza e realizzando progetti dedicati al giornalismo sportivo e non solo.  Il valore del volume non è solo la ricchezza e l’accuratezza dei dati e delle in formazioni che contiene, una sorta di carta di identità del mondo dei media e dello sport, ma la dedizione profonda con la quale si realizza puntualmente, dall’altro secolo, l’Annuario.

Per tutte queste semplici ragioni, rivolgo alla comunità dell’USSI e al suo Presidente un sentito grazie!

 

* Ministro per lo Sport e i Giovani

Article bottom ad