Article top AD

Il nostro sistema sanitario sta sostenendo una delle prove più difficili degli ultimi anni. Medici e operatori sanitari lavorano  senza sosta per garantire a tutti le cure necessarie, non solo per  il Covid-19, ma anche per tutte le altre patologie che non si sono certo arrestate durante questa emergenza.

La nostra vicinanza a chi si trova in prima linea può essere concreta. In questo momento il personale sanitario ha bisogno di continuare il proprio lavoro in sicurezza, proteggendosi e proteggendo chi gli è accanto.

Abbiamo urgenza di sostenere chi sta affrontando l’emergenza del Coronavirus con professionalità e umanità. Con questo intento la Libertas ha deciso di essere accanto ad A.F.Ma.LAssociazione con i Fatebenefratelli per i Malati Lontani, che da ormai 40 anni è impegnata in progetti che mettono al centro la vita umana, attraverso iniziative che assicurino l’assistenza sanitaria per tutti, interventi sociali per le situazioni ai margini, campagne nei Paesi emergenti.

” Abbiamo salvato vite in ogni parte del mondo, in emergenza e nelle situazioni più critiche.
Ora l’emergenza è in casa nostra, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per potenziare i nostri ospedali, da Roma a Palermo, Napoli e Benevento, dobbiamo acquistare materiali monouso e dispositivi di protezione per i medici e il personale sanitario, mascherine e cosa più importante, potenziare i reparti coinvolti direttamente nella lotta al COVID 19; dobbiamo essere pronti e uniti a combattere questo virus.” 

Con queste parole Ornella Fosco, che si occupa dello sviluppo dei progetti per A.F.Ma.L, racconta l’obiettivo fondamentale per superare le criticità che stanno coinvolgendo l’intero sistema sanitario nazionale.

“Un obiettivo che non possiamo mancare.” – sottolinea il Presidente Musacchia– ” Ogni gesto può essere il tassello decisivo per superare questo momento”.

I fondi raccolti saranno destinati a tutti gli Ospedali della Provincia romana del Fatebenefratelli, che coinvolge il centro-sud: Roma, Genzano, Benevento, Napoli e Palermo.

Article bottom ad