Mercoledì di sorprese a Cincinnati: fuori Tsitsipas, Zverev e Nishikori

Stefanos Tsitsipas non è più il giocatore di tre mesi fa. Dopo l’ottima stagione su terra battuta, il ragazzone di Atene ha mal digerito il passaggio a superfici più rapide. I dati, parziali ma certo inoppugnabili, dicono che Cincinnati diventa il terzo grande torneo consecutivo nel quale Tsitsipas si ferma all’esordio, dopo le sconfitte con Fabbiano a Wimbledon e Hurkacz a Montreal. Questa volta lo stop gli viene imposto da Jan-Lennard Struff, alla quarta vittoria contro un top 10 nel 2019, metà delle quali ottenute proprio contro Tsitsipas: aveva già battuto il greco agli ottavi di Barcellona.

Si può perdere contro questo Struff, certo, specie quando il tedesco concede appena 9 punti su 61 giocati con il conforto della prima di servizio. Ma se ti chiami Tsitsipas, e hai appena perso la top 5 a causa del fiasco canadese, è perlomeno lecito attendersi una reazione d’orgoglio. Che arriva...

Clicca qui per continuare a leggere su Ubitennis

Fonte: Ubitennis