Article top AD

Prima zampata dell’Italia ai Campionati Mondiali di taekwondo.

La terza giornata di gare presso la Crystal Hall Arena di Baku (Azerbaijan) ha decretato la medaglia d’oro di Simone Alessio negli 80 kg maschili.

L’azzurro, leader della graduatoria di qualificazione olimpica nella propria categoria di peso, ha ribadito ancora una volta la sua forza in una tappa fondamentale ai fini del cammino verso i Giochi Estivi di Parigi 2024.

Sui tatami azeri è risultato decisivo il successo nell’ultimo atto nei confronti dello statunitense Carl alan Nickolas (0-0, 2-1), che si è dovuto accontentare dell’argento dopo due rounds tosti e ben disputati da parte di entrambi.

Il campione europeo in carica (foto FITA), esentato dal primo turno in qualità di massima testa di serie, ha debuttato in scioltezza nel tabellone battendo prima il cinese Hao Tang (8-0, 12-0) e poi il croato Matej Nikolic (4-0, 2-0).

Il primo vero banco di prova è giunto ai quarti di finale, in cui il livornese ha avuto la meglio sul detentore del titolo iridato sudcoreano Woo hyeok Park al termine di due rounds (2-2, 5-3) molto complicati soprattutto dal punto di vista tattico.

Successivamente la semifinale contro il colombiano Miguel Trejos Salas, riuscito a tenere nel corso del primo round salvo poi subire inesorabilmente l’iniziativa dell’italiano nel secondo (0-0, 4-2). Soltanto bronzo per il sudamericano, relegato sul terzo gradino del podio insieme all’egiziano Seif Eissa.

Infine per Alessio la sopracitata vittoria su Nickolas, valevole per il secondo oro iridato dopo quello conquistato quattro anni fa a Manchester (in quell’occasione nei 74 kg). (agc)

Article bottom ad