Article top AD

Mario Scarzella è stato confermato Presidente della Federazione Italiana Tiro con l’Arco per il quadriennio 2021-2024. L’incarico è stato ottenuto con 26694 voti pari al 63,927% del totale; a Paolo Poddighe, secondo candidato alla presidenza, sono stati assegnati 15063 voti, pari al 36,073% del totale. La votazione è stata effettuata durante l’Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva che si sta svolgendo oggi, domenica 24 gennaio, presso il Centro Tecnico Federale della FIB.

Il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, non potendo intervenire in presenza all’Assemblea Elettiva ha, inviato un video saluto, trasmesso in assemblea, a tutti i partecipanti e all’intero mondo arcieristico, “Ciao a  tutti, mi dispiace moltissimo di non essere qui oggi con voi. Oggi abbiamo le qualificazioni olimpiche a Trieste nella Pallanuoto, partita decisiva. Il dovere mi chiama. Anche da lontano vi sono vicino ho sempre partecipato alle vostre Assemblee Elettive negli ultimi anni ma oggi non è proprio possibile. Auguro a tutti buon lavoro, a tutti i candidati. Al Consiglio uscente, alle persone che si sono prodigate per supportare questo sport, questa disciplina che tanto ha regalato di soddisfazioni al nostro paese di cui ne sono molto orgoglioso. Anche da lontano vi sono vicino. Un abbraccio forte alla Federazione Italiana di Tiro con l’Arco. Buon lavoro a tutti!”

All’assemblea elettiva è intervenuto anche il Presidente del Comitato Paralimpico, Luca Pancalli che ha preso la parola ed ha dichiarato
Mi fa piacere essere qui, vi porto il saluto di tutta la famiglia paralimpica italiana della quale fate parte da tantissimi anni e che io ritengo di grandissima importanza, anche con risultati particolarmente importanti che ci valorizzano. Mi auguro che il confronto che avverrà durante questa assemblea sia arricchito dalle relazioni ma nel pieno rispetto del fair play e della dialettica. Da uomo di sport con grande umiltà ho sempre ritenuto che tra i tanti momenti importanti della vita di una Federazione è proprio Assemblea Federale che deve essere  vissuta non solo come momento di obbligo  statutario, ma di reale confronto su quello che si è fatto, sulle cose che hanno funzionato e quelle sulle quali migliorare. Solo con una dialettica elettore si può crescere.
Complimenti a tutti gli atleti olimpici e paralimpici, complimenti ai tecnici e a tutte le società sportive. Attribuisco al nucleo delle società sportive un’importanza fondamentale. In questo momento particolare quelle che hanno registrato maggiore sofferenza sono le società sportive presenti sul territorio. Auguro a tutti  noi che questo momento possa passare quanto prima, nel segno dello sport , dell’amicizia e di quello che lo sport ha rappresentato in questi anni. Ma anche lo sport come pezzo di politica pubblica che può aiutare se nel confronto anche politico ci fosse lo sforzo di elevare questo confronto in termini dialettici, penso che i problemi si possano risolvere in poco tempo. Sono fiducioso che questi problemi si risolveranno  presto e potremmo tornare ad abbracciarci, anche per celebrare i momenti di vittoria. mi auguro che questo abbraccio possa tornare ben presto a far parte della nostra quotidianità”.

Article bottom ad