1414

Primo Piano

Scherma: scattano le qualificazioni olimpiche, a Tokyo 12 eventi da medaglia

tokyo 2020

Inizia ufficialmente la lunga marcia d’avvicinamento ai Giochi Olimpici e Paralimpici Tokyo2020. L’inizio del mese di aprile avvia infatti la fase di qualificazione olimpica all’appuntamento a Cinque Cerchi in programma dal 24 luglio al 9 agosto 2020, mentre è già in corso la fase di qualificazione ai Giochi Paralimpici che si svolgeranno invece dal 25 agosto al 6 settembre 2020.

Per la prima volta, ai Giochi Olimpici, la scherma avrà ben dodici eventi medaglia. Il CIO, com’è noto, ha infatti “allargato” il numero delle medaglie concesse alla scherma mondiale, permettendo di mettere in archivio la “rotazione delle armi” che ogni quattro anni, a partire da Atene2004 e dall’introduzione della sciabola femminile come prova olimpica, aveva visto, a turno, l’assenza nel programma olimpico delle gare a squadre di due specialità.

A Tokyo2020, invece, tutte le armi avranno le prove individuali ed anche le gare a squadre, sia al maschile che al femminile.

Il programma gare, pertanto, vedrà la scherma protagonista di nove giornate olimpiche: da sabato 25 luglio a domenica 2 agosto, con le prime sei giornate dedicate singolarmente alle prove individuali e le ultime tre invece alle gare a squadre con due competizioni al giorno, al pari di quanto avviene nelle competizioni mondiali e continentali.

Il luogo di gara sarà la Makuhari Messe, nella prefettura di Makuhari: un quartiere fieristico distante circa un’ora dal centro di Tokyo e che sarà raggiungibile attraverso l’imponente servizio di trasporto pubblico della città olimpica 2020.

Ma prima di guardare a ciò che accadrà sulle pedane olimpiche, l’obiettivo per tutti è quello di acquisire il pass per la partecipazione.

Poter contare su dodici eventi medaglie, comporta che la qualificazione per tutte le specialità sarà principalmente a squadre. Questo perché la Nazione che avrà ottenuto il pass per la partecipazione alla gara a squadre, potrà contare sulla presenza di 3 atleti nella gara individuale.

In caso contrario, invece, vi è la possibilità di avere in pedana un massimo di due atleti per Nazione.

Qualificazione Olimpica – Squadre

Saranno 8 le squadre che potranno partecipare alle gare olimpiche di ciascuna specialità. Per determinare chi saranno le 8 Nazionali, il CIO e la FIE hanno determinato i criteri di qualificazione che prevedono l’assegnazione diretta del pass alle prime quattro squadre dei ranking FIE al termine del periodo di qualificazione olimpica ( 4 aprile 2020).

Le altre quattro squadre saranno invece le migliori Nazionali di ogni singolo Continente (Africa, Europa, Asia-Oceania e America), a patto che rientrino tra la 5° e la 16° posizione nel ranking FIE. Qualora un Continente non avesse Nazionali tra le prime sedici del ranking, allora il pass andrebbe alla squadra con la migliore posizione in graduatoria tra quelle escluse dalla selezione continentale.

Qualificazione Olimpica – Individuale

Le gare individuali di ciascuna delle specialità vedranno, ai 24 atleti (3 per ciascuna delle 8 squadre qualificate), aggiungersi almeno altri 10 atleti che saranno in rappresentanza di quei Paesi che non hanno qualificato la Nazionale per la gara a squadre.

Questi 10 pass per le gare individuali saranno assegnati ai 6 migliori atleti per Continente nel ranking FIE individuale. Nello specifico ai 2 atleti europei meglio piazzati, ai migliori 2 atleti asiatici ed al miglior atleta africano ed al miglior atleta americano.

I restanti quattro pass saranno invece assegnati ai vincitori dei tornei di qualificazione di ogni singolo Continente, a cui potranno partecipare solo gli atleti di quei Paesi che non avranno ancora vantato atleti qualificati.

Al computo complessivo degli atleti qualificati, vi è da aggiungere quelli del Paese ospitante, il Giappone, il quale ha garantiti otto pass che potrà sfruttare a proprio piacimento nelle gare a squadre o individuali, fino ad un massimo di 3 atleti per specialità.