Article top AD

Stesso palco, un anno dopo. Le Mascotte ufficiali di Milano Cortina 2026 sono state svelate in anteprima al Festival di Sanremo. Proprio dal palco dell’Ariston, l’anno scorso Amadeus e Gianni Morandi avevano aperto il sondaggio popolare che aveva chiamato l’Italia a dare la propria preferenza tra le coppie di disegni finalisti realizzati dalle scuole di tutto il Paese. Dopo lunghi mesi di sviluppo e design, da quei disegni sono nati Tina e Milo, le Mascotte ufficiali delle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Milano Cortina 2026. I loro nomi richiamano due delle città protagoniste dei Giochi: Milo da Milano, Tina per Cortina.

Due fratelli ermellini

I due ermellini Tina e Milo sono sorella e fratello e hanno fatto il loro ingresso trionfale all’Ariston insieme a due bambini dell’Istituto comprensivo di Taverna (Catanzaro) che li hanno disegnati e al Presidente della Fondazione Milano Cortina 2026 e del CONI Giovanni Malagò. Tina ha il manto chiaro ed è la Mascotte delle Olimpiadi Invernali 2026, è nata in montagna ma ama anche vivere in città. Milo ha il manto scuro ed è la Mascotte delle Paralimpiadi Invernali 2026, è nato senza una zampetta, ma con un po’ di ingegno e tanta forza di volontà, ha imparato a usare la coda e a superare ogni ostacolo facendo della sua diversità una forza. Gli ermellini con la loro vivacità e rapidità sono gli animali ideali per incarnare al meglio lo Spirito italiano che guida i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali di Milano Cortina 2026. Curiosi per natura, sorprendenti per la capacità di cambiare il colore della pelliccia in base alle stagioni, resilienti nell’adattarsi ad un habitat sfidante come quello montano, sono simili ma non identici e hanno in sé un forte messaggio di inclusione e resilienza.

La Scuola per le Mascotte di Milano Cortina 2026

L’unveiling degli iconici personaggi chiude un percorso iniziato nel 2022 con il concorso di idee “La Scuola per le Mascotte di Milano Cortina 2026”, lanciato da Milano Cortina 2026 in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e del Merito. L’iniziativa ha coinvolto studentesse e studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia che hanno presentato oltre 1.600 idee progettuali di mascotte (nel complesso sono stati 82 gli istituti che hanno inviato i propri elaborati grafici e 681 le classi partecipanti). Il Comitato ha ristretto la rosa a due opzioni, premiando la creatività dell’Istituto Comprensivo Sabin di Segrate (Milano) e dell’Istituto Comprensivo di Taverna (Catanzaro). Le proposte finaliste sono state presentate al Festival di Sanremo 2023. Poi la parola è passata al pubblico, che ha espresso la propria preferenza sul sito di Milano Cortina 2026. Da lì si è aperta una fase di progettazione e design che ha portato alla nascita di Tina e Milo.

Tina, Milo & the Flo

Nelle tappe di avvicinamento al 2026, Tina e Milo non saranno da soli: i loro compagni di avventura saranno i sei piccoli bucaneve“I Flo”. I fiorellini, disegnati in una prima fase dagli alunni dell’Istituto Comprensivo Sabin di Segrate (Milano) e sviluppati anch’essi professionalmente sul piano della grafica e del design, saranno i migliori amici di Tina e Milo nell’avventura verso Milano Cortina 2026 e arricchiranno le loro storie con giochi, scherzetti e tanta, tanta simpatia.

 

Un tour nei territori di Milano Cortina 2026

Dopo la presentazione davanti al pubblico di tutta Italia e dopo aver incontrato le studentesse e gli studenti di Sanremo, Tina e Milo partiranno per il loro primo viaggio. Faranno tappa a Roma e poi saranno protagonisti di un tour sui territori di Milano Cortina 2026 che toccherà Cortina d’Ampezzo, Brunico, Anterselva-Antholz, Bolzano, Piancavallo, Val di Fiemme, Bormio, Livigno Milano.

Article bottom ad