Il presidente del CONI Giovanni Malagò,
Article top AD

di Giovanni Malagò *

La straordinaria complicità di compagni di viaggio che ci sono sempre e non tradiscono mai. Pronti a raccontare le gesta di un movimento che rappresenta il tratto dominante del loro orizzonte professionale, celebrando le vittorie e analizzando con spirito critico gli insuccessi, ma sempre animati da un’indubbia onestà intellettuale e nel rispetto della deontologia che li caratterizza.

Questa risorsa speciale siete voi, l’Unione Stampa Sportiva Italiana, un’orgogliosa declinazione del mondo che mi pregio di presiedere, un’Associazione Benemerita che sa lasciare il segno con la forza del messaggio veicolato.

Sono felice di rinnovare la tradizione che lega tutto il sistema alla vostra pubblicazione, una fotografia mirabile e aggiornata della nostra galassia, grazie alla mappa e ai riferimenti essenziali di chi la onora quotidianamente.

Vi rinnovo il sentimento di sincera gratitudine per il ruolo che esercitate con capacità e senso di appartenenza. Il costante confronto con la vostra categoria è un esercizio da reiterare nel reciproco interesse, al fine di creare i presupposti per migliorare, di cogliere le opportunità più idonee alla crescita del sistema, di riflettere sugli eventuali passaggi a vuoto forti dei suggerimenti dettati dalla competenza e dalla capacità che vi connotano.

A nome personale, e del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, vi rivolgo il più sincero saluto, con la consapevolezza di poter vivere un altro anno da ricordare che culminerà con i Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024. Un nuovo sogno a cinque cerchi, la sublimazione di un percorso di sacrifici, passione e impegno profusi in nome del traguardo più nobile e importante. Buon anno a cinque cerchi a tutti. Viva l’USSI, viva il CONI, viva lo sport italiano.

* Presidente Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Article bottom ad